scopri il nuovo sito web capitolbergamo.it

cinema_capitol-logo-white

Cineteatro Gavazzeni di Seriate: si comunica che a causa dell’ordinanza di tutela della salute pubblica emanata da Regione Lombardia, tutte le attività cinematografiche e teatrali sono sospese. Per tutte le informazioni potete contattarci su canali social di Facebook ed Instagram.

!

# io resto in sala

streaming di film su mymovies.it

Tipo

Proiezione film in streaming su mymovies.it

Descrizione

#iorestoinSALA è un progetto partecipato, dove il cinema non si trasferisce sulla rete, ma dove la rete diventa il cinema. Anzi: diventa la sala. Quella di domani è dunque una data storica per tutta la catena  dell’esercizio italiano, un passo epocale che ha due obiettivi: ristabilire lo storico legame tra i cinema e i propri spettatori interrotto da oltre due mesi e superare l’antinomia atavica tra le sale e il web.

importante

Film in streaming - istruzioni per l'uso:

  1. Cliccare su “prevendita”
  2. Nella pagina che si aprirà (Webtic), selezionare il film desiderato
  3. Cliccare l’orario e la data
  4. Si aprirà la pagina di Login, al primo accesso effettuare la Registrazione, le credenziali sono le stesse utilizzate per le prevendite on-line
  5. Scegliere la modalità di pagamento (Carta di Credito, Prepagate)
  6. Selezionare il posto virtuale dalla mappa (non incide sulla visione del film)
  7. Andare nel carrello e successivamente alla Cassa
  8. Verificare la correttezza dei dati nella schermata riepilogativa e procedere al pagamento
  9. Al termine clicca sul link “UTILIZZA IL CODICE”  che sarà inviato anche via mail
  10. Si potrà accedere alla proiezione entro un ora dall’inizio dello spettacolo e dovendo interrompere la visione, si potrà terminare entro 36 ore
  11. Per problemi tecnici e informazioni  live@mymovies.it

Note tecniche:

Il servizio sarà disponibile dai seguenti dispositivi:

-TV -Windows 10 / 8.1 / 8 / 7 (Edge 81/80; Firefox 76/68; Chrome 81/75*) – Mac Catalina / Mojave / Sierra / El Capitan / Yosemite / Mavericks (Safari 13/10.1; Edge 81/80; Firefox 76/68; Chrome 81/75*) – iPhone 11 / 8 / XS / XR / 7 (12) / 6S (12) / SE (11) / 6 (11) (Safari) – iPad Pro / 7 / 6 / 5 / 7 (12) / 6S (12) / SE (11) / 6 (11) (Safari) – Android 10 / 9 / 8 (Chrome) Chromecast (da Android, PC, Mac) – Apple TV (da iPhone, PC, Mac) *scelta consigliata

Si informa che i film #iorestoinSALA NON posso essere visionati dall’estero.

ATTENZIONE La visione su Smart Tv è garantita solo con Chromecast (via Pc, Mac e Android) ed AppleTv (via AirPlay). Fai un test di connessione e verifica se i tuoi dispositivi sono compatibili prima di procedere con l’acquisto – TEST DI CONNESSIONE (clicca qui)

film in streaming

26 maggio

Favolacce

La proiezione del film è in programma alle ore 20.30 e sarà preceduta, alle ore 20.00, da una introduzione speciale con i registi, che saranno intervistati per l’occasione dal critico cinematografico Paolo Mereghetti.
FAVOLACCE è una storia dark, una favola nera ambientata in una calda estate in un quartiere periferico di Roma. Una piccola comunità di famiglie, i loro figli adolescenti, la scuola. Un mondo apparentemente normale dove silente cova il sadismo sottile dei padri, impercettibile ma inesorabile, la passività delle madri, l’indifferenza colpevole degli adulti. Un mondo dove i bambini “non ci stanno” e si ribellano…

3 giugno -> 4 GIUGNO

Tornare

Dopo una lunghissima assenza, Alice torna dagli Stati Uniti, dove è diventata una giornalista affermata, alla casa sul mare dove ha trascorso l'infanzia e l'adolescenza per assistere al funerale del padre, un ufficiale americano in forza alla base Nato di Napoli. Dopo la cerimonia la donna decide di restare in quella dimora così familiare e allo stesso tempo sepolta nella sua memoria: la stessa che il padre aveva perso a poco a poco, conservando solo i ricordi più lontani. A poco a poco, a contatto con la casa paterna, anche i ricordi di Alice riaffiorano, e hanno la concretezza del presente: la donna comincia infatti a dialogare con una diciottenne che altri non è che se stessa da ragazza. Sarà l'inizio di un percorso a ritroso che la porterà a fare scoperte sconvolgenti su chi è stata e perché ha finito per andare a vivere tanto lontano.

Il paradiso probabilmente

Elia Suleyman parte dalla Palestina per un viaggio a Parigi e a New York dove trova affinità con le situazioni che vive nella sua terra con una domanda: dov'è il luogo che possiamo veramente chiamare casa? "Come nei miei precedenti film ci sono pochi dialoghi; quello che viene detto assomiglia a monologhi per infondere ritmo e musicalità.". Purtroppo nel momento in cui, in un lungometraggio, il regista di Nazareth esce dalla sua terra il pregio dell'astrazione che contraddistingueva un film come Il tempo che ci rimane si trasforma in un boomerang.

La famosa invasione degli orsi in Sicilia

Nel tentativo di ritrovare il figlio da tempo perduto e di sopravvivere ai rigori di un terribile inverno, Leonzio, il Grande Re degli orsi, decide di condurre il suo popolo dalle montagne fino alla pianura, dove vivono gli uomini. Grazie al suo esercito e all'aiuto di un mago, riuscirà a sconfiggere il malvagio Granduca e a trovare finalmente il figlio Tonio. Ben presto, però, Re Leonzio si renderà conto che gli orsi non sono fatti per vivere nella terra degli uomini.

Alla mia piccola Sama

Waad è una studentessa universitaria quando, nel 2011, sull'onda delle primavere arabe, la gioventù di Aleppo insorge contro la dittatura di Bashar al-Assas e ne domanda a gran voce la fine. La repressione del regime però è spietata e dà luogo alla più sanguinosa guerra civile del nostro presente. Molti fuggono, ma Waad resta, a fianco dell'amico Hamza, che diventa in quegli anni suo marito e anche l'ultimo medico rimasto, nella zona ribelle, per curare centinaia di feriti al giorno, nei mesi atroci dell'assedio della città, nel 2016.

5 giugno -> 11 GIUGNO

Ancora un giorno

Nel 1975, in piena Guerra Fredda, i portoghesi lasciano le colonie africane. L'Angola, però, non è un territorio facile, il petrolio fa gola, e il paese è spaccato in due. Tra i sostenitori dell'MPLA, il movimento di liberazione marxista-leninista, e quelli dell'UNITA, sostenuti dagli Stati Uniti, scoppia la guerra civile e il conflitto monta rapidamente su scala internazionale. Ryszard Kapuściński, giornalista della Polonia socialista, è lì, nel mezzo dell'assedio di Luanda, dove infuriano il caso e la paranoia, la "confusão", e dove ama essere, perché quella è la sua missione. Convincerà i suoi superiori a lasciargli tentare di raggiungere il fronte meridionale, dove il generale Farrusco, con un manipolo di pochi uomini, sta portando avanti una resistenza che ha dell'incredibile.

Christo walking on water

Dieci anni dopo la morte della moglie e sodale, Jeanne-Claude, Christo realizza The Floating Piers, un progetto che avevano concepito insieme molti anni prima. Walking on Water presenta la costruzione di una delle opere d'arte più grandi che siano mai state realizzate, tratteggiando il ritratto di un uomo che privilegia l'esperienza viscerale rispetto alla demagogia. Sullo sfondo di questa epica follia - le complesse trattative a metà fra arte e politica, le sfide ingegneristiche, gli incubi logistici, per non parlare della pura forza della natura, illustrata da vedute a volo d'uccello e riprese in stile fly-on-the-wall - vediamo dispiegarsi il sogno di un artista e ci avviciniamo all'uomo che lo insegue: Christo

Grazie a Dio

Alexandre vive a Lione con la sua famiglia. Un giorno viene a sapere che il prete che abusava di lui quando faceva parte del gruppo degli scout officia sempre a contatto con i bambini. Inizia allora la sua personale battaglia con l'aiuto di François ed Emmanuel, anch'essi vittima del sacerdote, per raccontare le responsabilità del prete. Col passare del tempo e con l'aumento del numero delle vittime del sacerdote che decidono di venire allo scoperto si forma un associazione che decide di costituirsi in giudizio legale.

L'hotel degli amori smarriti

Maria e Richard sono sposati da vent'anni. Una sera lui scopre che lei ha un amante: si tratta di un suo studente dell'università. Non valgono a nulla le motivazioni che Maria adduce. Richard è sconvolto. Lei decide allora di lasciare il domicilio coniugale senza andare però troppo lontano: la stanza numero 212 dell'hotel di fronte a casa. Da lì può avere una visione a distanza sul consorte e sul suo matrimonio. Ma non sarà sola in questa riflessione.

il paradiso probabilmente

Elia Suleyman parte dalla Palestina per un viaggio a Parigi e a New York dove trova affinità con le situazioni che vive nella sua terra con una domanda: dov'è il luogo che possiamo veramente chiamare casa? "Come nei miei precedenti film ci sono pochi dialoghi; quello che viene detto assomiglia a monologhi per infondere ritmo e musicalità.". Purtroppo nel momento in cui, in un lungometraggio, il regista di Nazareth esce dalla sua terra il pregio dell'astrazione che contraddistingueva un film come Il tempo che ci rimane si trasforma in un boomerang.

12 giugno -> 18 GIUGNO

Tornare

Dopo una lunghissima assenza, Alice torna dagli Stati Uniti, dove è diventata una giornalista affermata, alla casa sul mare dove ha trascorso l'infanzia e l'adolescenza per assistere al funerale del padre, un ufficiale americano in forza alla base Nato di Napoli. Dopo la cerimonia la donna decide di restare in quella dimora così familiare e allo stesso tempo sepolta nella sua memoria: la stessa che il padre aveva perso a poco a poco, conservando solo i ricordi più lontani. A poco a poco, a contatto con la casa paterna, anche i ricordi di Alice riaffiorano, e hanno la concretezza del presente: la donna comincia infatti a dialogare con una diciottenne che altri non è che se stessa da ragazza. Sarà l'inizio di un percorso a ritroso che la porterà a fare scoperte sconvolgenti su chi è stata e perché ha finito per andare a vivere tanto lontano.

Christo walking on water

Dieci anni dopo la morte della moglie e sodale, Jeanne-Claude, Christo realizza The Floating Piers, un progetto che avevano concepito insieme molti anni prima. Walking on Water presenta la costruzione di una delle opere d'arte più grandi che siano mai state realizzate, tratteggiando il ritratto di un uomo che privilegia l'esperienza viscerale rispetto alla demagogia. Sullo sfondo di questa epica follia - le complesse trattative a metà fra arte e politica, le sfide ingegneristiche, gli incubi logistici, per non parlare della pura forza della natura, illustrata da vedute a volo d'uccello e riprese in stile fly-on-the-wall - vediamo dispiegarsi il sogno di un artista e ci avviciniamo all'uomo che lo insegue: Christo

Il paradiso probabilmente

Elia Suleyman parte dalla Palestina per un viaggio a Parigi e a New York dove trova affinità con le situazioni che vive nella sua terra con una domanda: dov'è il luogo che possiamo veramente chiamare casa? "Come nei miei precedenti film ci sono pochi dialoghi; quello che viene detto assomiglia a monologhi per infondere ritmo e musicalità.". Purtroppo nel momento in cui, in un lungometraggio, il regista di Nazareth esce dalla sua terra il pregio dell'astrazione che contraddistingueva un film come Il tempo che ci rimane si trasforma in un boomerang.

Ancora un giorno

Nel 1975, in piena Guerra Fredda, i portoghesi lasciano le colonie africane. L'Angola, però, non è un territorio facile, il petrolio fa gola, e il paese è spaccato in due. Tra i sostenitori dell'MPLA, il movimento di liberazione marxista-leninista, e quelli dell'UNITA, sostenuti dagli Stati Uniti, scoppia la guerra civile e il conflitto monta rapidamente su scala internazionale. Ryszard Kapuściński, giornalista della Polonia socialista, è lì, nel mezzo dell'assedio di Luanda, dove infuriano il caso e la paranoia, la "confusão", e dove ama essere, perché quella è la sua missione. Convincerà i suoi superiori a lasciargli tentare di raggiungere il fronte meridionale, dove il generale Farrusco, con un manipolo di pochi uomini, sta portando avanti una resistenza che ha dell'incredibile.

Favolacce

La proiezione del film è in programma alle ore 20.30 e sarà preceduta, alle ore 20.00, da una introduzione speciale con i registi, che saranno intervistati per l’occasione dal critico cinematografico Paolo Mereghetti.
FAVOLACCE è una storia dark, una favola nera ambientata in una calda estate in un quartiere periferico di Roma. Una piccola comunità di famiglie, i loro figli adolescenti, la scuola. Un mondo apparentemente normale dove silente cova il sadismo sottile dei padri, impercettibile ma inesorabile, la passività delle madri, l’indifferenza colpevole degli adulti. Un mondo dove i bambini “non ci stanno” e si ribellano…

La gomera - l'isola dei fischi

Un ispettore di polizia di Bucarest, Cristi, appare irrimediabilmente corrotto dai trafficanti di droga. Dopo essere finito in un imbroglio più grande di lui, raggiunge una piccola isola delle Canarie per trovare rifugio, insieme ad una avvenente donna. Lì dovrà imparare il Silbo, un linguaggio composto da fischi, il quale potrà essere utilizzato come codice durante una prossima operazione criminale.Nell’impresa, Cristi viene seguito da una sua superiore, che sospetta di lui e tenterà di… Espandi

Red snake

La storia segue le vicende di Zara; la ragazza assiste impotente all'omicidio della sua famiglia e al saccheggio del suo villaggio. In seguito viene venduta come schiava sessuale all'ISIS. Zara riesce a sopravvivere in questa situazione orribile e quando ne ha l'occasione ne approfitta per scappare. Durante la sua fuga s'imbatte in un gruppo di guerriglieri internazionali, la Brigata Red Snake.

25 giugno -> 1 luglio

Minuscule - la valle delle formiche perdute

Tra i resti di un pic-nic abbandonato in fretta da una coppia in procinto di avere un figlio, c'è una scatola di latta, piena di zollette di zucchero, che impegna tutte le forze di un gruppo di formiche di nere, decise a trasportarla nel loro formicaio. Poco lontano, una neonata coccinella, curiosa del mondo, ha smarrito la sua compagnia e ne trova un'altra in quella delle formiche nere. L'amicizia che la giovane coccinella stringe con una delle formiche, a capo della spedizione, è tale che la coccinella non abbandonerà il gruppo nemmeno quando questo si troverà inseguito e poi attaccato senza tregua da un intero formicaio di formiche rosse, guerriere organizzate e pronte a tutto.

Memorie di un assassino

Gyeonggi, 1986. Il cadavere di una ragazza violentata scatena le indagini dell'inadeguata polizia locale, intenta più a cercare un capro espiatorio che a trovare il vero colpevole. Gli omicidi si susseguono inarrestabili e un ispettore arriva da Seoul per fare luce sul mistero. Il volto di Song Kang-ho, uno dei migliori attori della sua generazione, guarda in camera attonito e si rivolge direttamente a noi, smarriti e confusi, pieni di "perché". Come è possibile che l'uomo possa compiere atti simili? O forse, se una nazione intera vive all'insegna della violenza e dell'ingiustizia, quanto avviene non è che una naturale conseguenza?

actor generic placeholder plain

-

distribuzione

produzione

nazione

anno

regia

durata

  Trailer